Diamo voce alle segnalazioni dei nostri lettori che chiedono interventi semplici ma rilevanti

Dalla sicurezza degli studenti al completamento di alcuni lavori. Dalla conservazione di una lapide di un Sindaco di Artena al chiarimento di alcuni cartelli stradali. Sono queste le segnalazione dei nostri lettori che abbiamo raccolto e a cui vogliamo dare oggi voce. Interventi semplici, che non richiedono troppo impegno ma che sono allo stesso tempo importanti non soltanto per la sicurezza e la vivibilità della città.

L’attesa dell’autobus su via Valmontone

Iniziamo dalle strade che, secondo le segnalazioni, hanno bisogno di segnaletica verticale più precisa e qualche intervento di messa in sicurezza. La prima segnalazione in tal senso ci è pervenuta rispetto alle condizioni in prendono l’autobus gli studenti al confine con Colle Santo Giudico. In quel tratto di via Ariana non c’è banchina né attraversamenti pedonali e nemmeno sistemi che possano far rallentare i mezzi pesanti. Così gli studenti devono aspettare l’autobus sul ciglio dell’asfalto. Servirebbe invece apporre una pensilina, allargare la fermata e quantomeno fare le strisce sull’asfalto.

Altra segnalazione sulla segnaletica riguarda il tratto tra la rotatoria di via Velletri e il centro urbano. Il passaggio dei mezzi pesanti è vietato, tuttavia è possibile notare l’utilizzo della strada da parte di una nota azienda che ha lì il suo deposito degli automezzi. “Andrebbe scritto sui cartelli che la strada è vietata al traffico pesante eccetto gli autorizzati” ci segnala un lettore: una segnalazione condivisibile al fine di non provocare l’infondato sospetto di favoritismi.

Il palo su via della Magnarozza

Rimanendo ancora sulla situazione delle strade, l’ultima segnalazione arriva da via Magnarozza, dove si chiede di mettere in sicurezza la strada. Dopo la realizzazione della fognatura e l’asfaltatura è rimasto un palo in mezzo alla strada che è un evidente pericolo alla circolazione. “Possibile che in tutto questo tempo – si chiede il cittadino che ha segnalato la situazione – non si sia riusciti a togliere un palo?”.

Due segnalazioni riguardano invece il conferimento dei rifiuti ingombranti presso l’isola ecologica mobile. La prima: “Presso il centro di ritiro degli ingombranti non accettano le ceramiche dei sanitari e non sanno indicare come smaltirli. Inoltre mi è stato detto che non accettano nemmeno i frigoriferi”. Quanto ai sanitari, in effetti non sono inseriti tra i materiali ritirabili elencati in un ordine di servizio alla ditta. Per i frigoriferi invece la questione è diversa: per lo smaltimento va chiamato il numero verde e prenotato il ritiro. L’ultima segnalazione sull’isola ecologica è quella sugli orari di apertura del sito di piazza Livatino: l’applicazione Junker indica il lunedì e il venerdì mentre il sito è in realtà aperto il sabato mattina.

La lapide del Sindaco Domenico Bucci

E veniamo all’ultima segnalazione che riguarda il cimitero comunale. Da tempo si sa che il Comune sta attendendo gli intestatari dei loculi di uno dei più vecchi tronchi loculi per capire se intendono rinnovare la concessione o no. Se non ci saranno risposte, le salme ormai mineralizzare saranno messe negli ossari. Tra queste c’è però anche il loculo di Domenico Bucci, uno dei Sindaci di Artena del primo Novecento. Bucci era noto come il “sindaco contadino” e di lui rimane soltanto la lapide sul loculo. L’auspicio e la richiesta è che la lapide non sia distrutta ma preservata a futura memoria e nel rispetto di una delle persone che ha servito il Comune di Artena.

Lascia un commento

Comments are closed.