Il Sindaco di Artena parla di “ansie e paure che sono del tutto ingiustificate”, rivendica una riduzione della tariffa “del 25% in cinque anni” e annuncia che per il mese di maggio “l’Ufficio Tributi riceva tutti i giorni su appuntamento anche oltre l’orario stabilito”

Da qualche tempo si era sparsa la voce che le bollette della Tari sarebbero potute arrivare oltre i termini, comportando una sanzione da parte dei contribuenti. Per questo il Sindaco di Artena Felicetto Angelini è intervenuto oggi con un comunicato stampa in cui rassicura che “la Tari che stiamo consegnando in questi giorni scade il 30 aprile 2019 come da Regolamento”. “Qualcuno, quindi – ha dichiarato il Sindaco -, sta creando ansie e paure che sono del tutto ingiustificate. Vi posso assicurare che non sarà pagato alcun interesse di mora né alcuna sanzione qualora la rata venisse liquidata un po dopo”.

L’occasione è stata buona anche per tornare sulla riduzione della tassa operata negli ultimi anni con l’avvio della raccolta differenziata porta a porta: una riduzione che Angelini afferma essere “del 12% rispetto allo scorso anno” e “del 25% in questi ultimi cinque anni”. “Ci tengo a dire – ha quindi aggiunto Angelini – che l’aggio del CEP, la società che si sta occupando dei tributi comunali, è del 4% sul riscosso e non del 25% come qualcuno vuole far credere”.

Se non volete credere a me su queste novità – ha dichiarato il Primo Cittadino di Artena -, guardate con i vostri occhi le bollette riferite alla TARI dal 2014 al 2019 e vi renderete conto di quanto sto dichiarando. E non solo, mi posso impegnare già a dirvi che la tariffa, continuando su questa strada, sarà ulteriormente ridotta nei prossimi anni e faremo di Artena un modello da seguire nella gestione dei rifiuti”. “Per ogni dubbio o chiarimenti sulla bolletta che vi è arrivata o vi arriverà – conclude il comunicato – potete recarvi all’Ufficio Tributi del Comune di Artena, nell’orario programmato oppure contattare il numero telefonico 06 95191050”.

Come stanno le cose sulle riduzioni?

L’entità della riduzione della Tari/Tares ad Artena, che di fatto c’è stata, è da tempo motivo di dibattito pubblico. In passato si è discusso della quota variabile delle pertinenze fatta pagare fino al 2016, poi della non proporzionalità della riduzione rispetto alla riduzione dei costi del servizio. Più recentemente (tra il 2017 e il 2018) la riduzione è stata molto più netta per alcuni mentre per i nuclei di una sola persona la bolletta è rimasta stabile.

Ma la questione è molto più complessa a causa di diverse modifiche al regolamento comunale su Tares e Tari che sono intervenute tra il 2013 e oggi. In proposito stiamo preparando un approfondimento che in parte smentisce il Sindaco e in parte conferma le sue dichiarazioni: rispetto al 2013-2014, infatti, in alcuni casi le bollette sono state ridotte ben più del 25% (fino al 40 percento) e in altri casi particolari ci sono stati leggeri aumenti. Pubblicheremo l’approfondimento sull’evoluzione della tassazione sui rifiuti ad Artena, Lariano e Valmontone nei prossimi giorni per gli abbonati.

Lascia un commento

Comments are closed.