Dall’attività di Colle Fagiolara quante risorse per il Comune di Colleferro: facciamo due conti

Da qualche giorno a Colle Fagiolara l’attività è ricominciata. I bilici da inizio settimana hanno iniziato a scaricare i rifiuti. Non più l’indifferenziato di una volta ma il secco residuale che non può essere riciclato. Stando a fonti interne a Lazio Ambiente, ogni giorno ci sarebbero tra i sei e i dieci bilici che approdano nelle discarica del Comune di Colleferro. L’attività del sito, da quanto apprendiamo, dovrebbe riportare una serie di lavoratori oggi impegnati nei servizi verso il sito produttivo. E dovrebbe portare anche delle risorse fresche a Lazio Ambiente e al Comune di Colleferro.

Ad oggi i dati certi sono pochi. I più certi tra tutti sono quelli scritti nella determina regionale che fissa la tariffa di conferimento in discarica. In primo luogo si stima la capienza della discarica in 510 mila tonnellate ma si dice anche che si prevede un conferimento annuo di 140 mila tonnellate (e fino al 31 dicembre 2019). Quindi si passa alla tariffa, determinata sulla base della delibera commissariale 15/2005 poi recepita dalla Giunta regionale.

La “tariffa base” per conferire in discarica è stata stabilita in 72,29 euro/tonnellata oltre 13,925 euro/tonnellata per gli oneri della gestione post mortem. I Comuni che conferiranno dovranno inoltre pagare un benefit del 5% per il Comune sede di discarica (Colleferro) oltre all’incremento Istat e l’IVA. La richiesta di Lazio Ambiente prevedeva una tariffa differenziata tra “Comuni ospiti” e “Comuni non ospiti”. Tuttavia tale richiesta non sembrerebbe essere stata soddisfatta dalla Regione, che ha fissato una tariffa unica. Lazio Ambiente dovrà quindi riscuotere 86,215 euro più il benefit per il Comune di Colleferro e l’IVA dai Comuni che conferiranno immondizia. Queste risorse non rimarranno tutte a Lazio Ambiente. La società regionale dovrà “girare” al Comune di Colleferro dei soldi

Un conto sulle risorse che andranno al Comune di Colleferro

Per capire quanti soldi rimarranno a Lazio Ambiente bisogna capire quante sono quelle che saranno trasferite al Comune di Colleferro, sulla base dei dati già enunciati. Passando ai calcoli, c’è da dire che anche sindacati e tecnici hanno bisogno di approfondire dati e procedure. Comunque, sembrerebbe che per calcolare il benefit del 5% ci sia da prendere “a base imponibile” la “tariffa base” di 72,29 euro. Dunque, per ogni tonnellata portata in discarica, al Comune di Colleferro andranno 3,6145 euro. Prendendo in considerazione le 140 mila tonnellate, si calcola un benefit di circa 506 mila euro.

Ma non basta. Re.Tu.Va.Sa. in un recente comunicato ha ricordato che la discarica di Colle Fagiolara è del Comune di Colleferro. Secondo l’associazione ambientalista “ci sono da aggiungere 15 euro a tonnellata stabilite nel contratto di affitto con il Comune di Colleferro proprietario del sito”. Dunque prendendo a base le 140 mila tonnellate previste, al Comune di Colleferro andranno altri 2,1 milioni di euro. Per un totale di 2,6 milioni di euro tra benefit e affitto.

Lascia un commento

Comments are closed.