L’operazione di giovedì colleziona commenti positivi ma tutti i giorni i posti dei disabili sono occupati anche senza tesserino

Una settimana fa la Polizia Locale di Valmontone ha sanzionato quattro automobilisti che parcheggiavano sui posti riservati ai disabili esponendo il cartellino pur non avendone diritto. L’operazione ha raccolto “mi piace” e commenti positivi. Pessime recensioni ha avuto invece chi è stato sanzionato.

Operazione a parte, a Valmontone rimane troppo alta la tolleranza verso il parcheggio “selvaggio” sulle strisce dei disabili. Le automobili vengono parcheggiate senza particolari problemi sugli stalli riservati anche senza cartellino e senza ricevere sanzioni. Ad esempio nella mattinata di ieri (ma è così praticamente sempre) c’era chi era parcheggiato sui parcheggi riservati presso la stazione. I posti per i disabili presso il Comune erano completamente pieni e nessuna macchina esponeva il cartellino. Malgrado a pochi metri (lungo via Nova) c’erano decine e decine di posti liberi.

Parcheggiare su quei posti auto è a Valmontone un malcostume diffuso e troppo tollerato dalle stesse istituzioni che dovrebbero sanzionare e dare l’esempio. E ciò è riemerso anche nei commenti all’operazione di giovedì, quando sono state ripescate vecchie foto dei rappresentanti delle istituzioni parcheggiate sui posti dei disabili.

Per risolvere questa bruttissima abitudine che penalizza i più deboli la soluzione sarebbe semplice: applicare a tutti il Codice della Strada, che prevede una sanzione di 85 euro o, in un caso limite, la denuncia. Non credete all’ipotesi di sussistenza del reato? Ha fatto scalpore in passato una decisione della Corte di Cassazione che ha ritenuto rinvenibile il reato di violenza privata nel caso in cui qualcuno parcheggi su un posto riservato ad un disabile in particolare. Non si tratta in questo caso dei generici posti riservati ai disabili ma di quelli destinati a singoli soggetti (di solito c’è la targa dell’automobile stampigliata sul cartello). Senza arrivare a tutto ciò, basterebbe qualche multa frequente accompagnata dal buon esempio.

Lascia un commento

Comments are closed.