Gli impianti serviranno a trattare una parte dell’organico della differenziata

In questi giorni stanno arrivando le comunicazioni ufficiali da parte della Regione sui contributi concessi ai Comuni. Nel complesso si tratta di milioni di euro che la Regione ha assegnato a numerosi Enti locali del Lazio per la realizzazione di impianti di compostaggio di comunità e di autocompostaggio. Cioè di piccoli impianti a tecnologia aerobica che possono essere usati dalle comunità locali per trattare l’umido della raccolta differenziata per trasformarlo in compost. I progetti finanziati non sono la panacea per risolvere il problema del riuso dell’organico ma almeno è un inizio. Risolveranno però il problema di chi deve liberarsi dell’umido anche nei giorni in cui non viene ritirato.

Dalle nostre parti il Comune di Artena ha visto assegnarsi 331 mila euro. Il Comune di Lariano ha ottenuto 400 mila euro, quello di Velletri 800 mila euro. Gli impianti saranno posizionati a Lariano nei pressi dell’isola ecologica, a Velletri in tre diversi punti della città e ad Artena probabilmente vicino alla futura isola ecologica che il Comune intende realizzare a Maiorana.

Anche Genazzano, Rocca Priora, Cave, Olevano Romano, Montelanico, Labico e molti altri accedono al contributo

Gli altri Comuni dell’area prenestina-lepina finanziati sono: Genazzano con 196 mila euro (per un progetto da 666 mila euro), Cave con 398 mila euro, Zagarolo con 400 mila euro, Palestrina con 394 mila euro (il progetto è da 444 mila euro), Serrone con 100 mila euro, San Vito Romano con 100 mila euro, Olevano Romano con 195 mila euro, Labico con 196 mila euro (per un progetto da 245 mila euro), Montelanico con 100 mila euro, Norma con 100 mila euro.

Per i Castelli Romani sono stati finanziati: Rocca Priora con 331 mila euro, Marino con 600 mila euro (per un progetto da 3,2 milioni), Grottaferrata con 400 mila euro, Albano Laziale con 600 mila euro, Rocca di Papa con 315 mila euro, Ariccia con 378 mila euro (il progetto è da 510 mila euro), Genzano di Roma con 47 mila euro (progetto da 59 mila euro), Pomezia con 141 mila euro (progetto da 236 mila euro). L’elenco, molto più lungo, può essere visionato qui.

Lascia un commento

Comments are closed.