Il candidato sindaco di “Artena Insieme” ha incontrato ieri gli iscritti del Centro Sociale

Ieri pomeriggio Erminio Latini ha incontrato gli iscritti del Centro Sociale Anziani di Artena. Il candidato sindaco di “Artena Insieme” ha dapprima ascoltato le richieste degli anziani presenti, che (come con gli altri candidati) hanno manifestato l’esigenza di avere una sede più ampia, per poi spiegare il suo programma elettorale.

Latini è tornato a puntare sul “ritorno alla vocazione storica della città: l’agroalimentare“. “Da secoli il nostro territorio è votato alla produzione agroalimentare – ha detto Latini – e nostra intenzione è quella di ritornare a quella vocazione per promuovere la vendita dei prodotti di Artena. Ma vi immaginate se un forno, un ristorante o un alimentari – ha detto Latini – potessero esporre un cartello con su scritto: ‘In questo esercizio si vendono prodotti fatto con il grano, il latte e gli ortaggi di Artena’? I nostri prodotti aumenterebbero di valore e i romani verrebbero qui a comprarli“.

La nostra idea – ha detto Latini – è istituire un coordinamento fatto di persone che ne sanno più di noi per promuovere la produzione, la vendita e la valorizzazione dei nostri prodotti agricoli. È un progetto che so essere difficile ma sono i sogni che cambiano le cose“. Erminio Latini ha quindi portato l’esempio del pane di Lariano “che a Roma si vende un euro al chilo in più del pane di Artena malgrado i larianesi abbiano imparato da noi a farlo“. Ed ha aggiunto che un aspetto “fondamentale per realizzare questo progetto è curare il nostro territorio, eliminando l’immondizia e incentivandolo a convertirsi alla produzione biologica“.

Tornando agli spazi, anche Latini si è messo a disposizione, come Angelini e Serangeli, per trovare soluzioni più confacenti al Centro Sociale, accogliendo la proposta di chiedere all’ex Provincia di “fare il cambio” tra i locali della Polizia Provinciale e quelli del Centro. Gli incontri al Centro Sociale Anziani di Artena proseguono oggi con Silvia Carocci.

Lascia un commento

Comments are closed.