Le due manifestazioni mirano a valorizzare il patrimonio enogastronomico del Lazio con la partecipazione dello chef stellato Paolo Gramaglia

Tartufo, vini e specialità gastronomiche sono di scena da questo pomeriggio a Valmontone. Sono infatti iniziate le manifestazioni “Armonie d’Ottobre” e “Tartufo Più” presso Palazzo Doria Pamphilj. Le due rassegne termineranno lunedì e mettono al centro le eccellenze enogastronomiche del Lazio, con la partecipazione di cantine vitivinicole, tartufai e chef. Tra questi ultimi anche Paolo Gramaglia, stella Michelin, executive chef e patron del ristorante President di Pompei, insieme a Stefano Bartolucci e altri ristoratori di Valmontone. Tra gli enologi, Roberto Cipresso.

Al piano terra del Palazzo, 12 chef locali creeranno un menù unico (con 4 antipasti, 4 primi e 4 secondi) con cui gli ospiti potranno gustare le principali ricette del territorio, cucinate utilizzando i prodotti di forni, macellerie, caseifici, laboratori di pasta artigianale e pasticcerie della zona, oltre alle migliori specie di tartufi del Lazio, siano essi bianchi o neri. Nel piano nobile, invece, verrà ricreato un percorso a banchi di assaggio teso ad esaltare il programma iconografico, ricco di riferimenti mitologici e letterari, attraverso le etichette di 70 aziende vitivinicole selezionate tra le più importanti del panorama enologico regionale e nazionale.

La manifestazione è organizzata dal Comune di Valmontone e dall’Arsial. È stata presentata ad inizio settimana presso l’Enoteca Vyta di Roma con la partecipazione di amministratori comunali e regionali e personale Arsial. Un’iniziativa che, oltre a fare da vetrina a ad attività del comprensorio, potrebbe stimolare anche sul territorio valmontonese l’avvio di attività agricole finalizzate alla produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli finiti, di cui la città è completamente priva, tentando la strada dell’agro-alimentare.

Lascia un commento

Comments are closed.